Ascesso dentale

Un ascesso dentale è una tasca di pus causata da un’infezione batterica.

L’ascesso può verificarsi in diverse regioni del dente e per diversi motivi. Un ascesso periapicale si produce sulla punta della radice, mentre un ascesso parodontale si sviluppa nel tessuto vicino al dente, nella gengiva o nell’osso alveolare.

Un ascesso dentale periapicale di solito si verifica a causa di una carie dentale non trattata, una lesione o un intervento dentale precedente.

I dentisti trattano l’ascesso dentale drenandolo ed eliminando l’infezione; possono essere in grado di salvare il dente con un trattamento canalare, ma in alcuni casi potrebbe essere necessario estrarlo. Un ascesso dentale non trattato può portare a complicazioni gravi, potenzialmente anche letali, specie in pazienti con tumori, diabete o in generale con un sistema immunitario compromesso.

Cause

Un ascesso dentale periapicale si verifica quando i batteri invadono la polpa dentale – la parte più interna del dente che contiene vasi sanguigni, nervi e tessuto connettivo.

I batteri penetrano attraverso una carie dentale o una crepa nel dente e si diffondono fino alla radice. L’infezione batterica può causare gonfiore e infiammazione alla punta della radice.

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di un ascesso dentale:

  • Una scarsa igiene dentale: non prendersi cura di denti e gengive – come non lavarsi i denti due volte al giorno e non usare il filo interdentale – può aumentare il rischio di carie, malattie gengivali, ascessi dentali e altre complicanze dentali e della bocca.
  • Una dieta ricca di zuccheri: mangiare frequentemente cibi ricchi di zuccheri e bere bibite zuccherate (che spesso sono anche molto acide) può contribuire alla formazione di carie dentali e successivamente di ascessi dentali.

Sintomi

Segni e sintomi di un ascesso dentale comprendono:

  • mal di denti intenso, persistente e pulsante che può irradiarsi alla mandibola, al collo o all’orecchio;
  • sensibilità al caldo e al freddo;
  • sensibilità alla pressione esercitata masticando o mordendo;
  • febbre;
  • gonfiore alla guancia;
  • linfonodi ingrossati e sensibili sotto la mandibola o nel collo;
  • improvviso afflusso di liquido maleodorante e salato in bocca e sollievo dal dolore se l’ascesso si rompe.

Diagnosi

Oltre ad esaminare il dente e l’area circostante, il dentista può verificarne la sensibilità al tatto o alla pressione e disporre una radiografia. Quest’ultima permette di identificare la presenza e la posizione dell’ascesso, oltre a determinare se l’infezione si è diffusa, causando ascessi in altre aree.

Se l’ascesso si è diffuso al collo, può essere utilizzata una TAC per valutare l’entità dell’infezione.

Trattamento

L’obiettivo del trattamento è quello di eliminare l’infezione. A questo scopo, il dentista farà un piccolo taglio nell’ascesso, permettendo al pus di defluire, e quindi lavare l’area con acqua salata.

Nel caso di un ascesso periapicale, in genere il dentista esegue una devitalizzazione del dente, evitandone se possibile l’estrazione: la polpa dentale danneggiata viene rimossa e sostituita con amalgama, il dente è poi ricostruito e può essere ricoperto con una capsula. Se il danno è troppo esteso può essere necessario procedere con l’estrazione del dente.

Se l’ascesso è parodontale, tutto questo non è necessario: la rimozione di placca e tartaro e un trattamento antibiotico sono spesso sufficienti; altre volte è opportuno rimodellare il tessuto gengivale per evitare recidive.

In generale, se l’infezione è limitata all’area dell’ascesso, potrebbe non essere necessario l’uso di antibiotici. Ma se l’infezione si è diffusa nei denti vicini, nella mandibola o in altre aree, il dentista con ogni probabilità prescriverà degli antibiotici per impedirne un’ulteriore diffusione.
Inoltre, gli antibiotici sono generalmente indicati per quei pazienti che hanno un sistema immunitario indebolito.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Svenimento

Lo svenimento è un termine semplice di uso comune che viene utilizzato per descrivere una perdita di coscienza che può verificarsi in un qualunque momento della vita per innumerevoli ragioni, più o meno gravi e preoccupanti.
Read More

Candidiasi

La candida Albicans e le altre specie relative possono determinare diversi tipi di infezioni. Le candidiasi cutanee includono la condizione di pelle erosa tra le dita dei piedi, le balanini la micosi delle unghie, le follicoli, la candidiasi attorno alla zona anale e tutte le altre sindromi croniche correlate.
Read More

Ambliopia

L’ambliopia, più comunemente nota come “occhio pigro”, è una malattia dell’apparato visivo caratterizzata da una visione ridotta in un occhio dovuta a uno sviluppo visivo anormale nei primi anni di vita.
Read More

Shock

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da parte degli organi vitali.