Trattamento Laser o Radiofrequenza per curare la Cellulite?

La Cellulite colpisce in modo più mirato zone del corpo femminile come glutei, cosce e vita, provenendo dal tessuto connettivo sottocutaneo, che può dar luogo a quell’effetto delle fossette con una pelle raggrinzata tipica della cellulite.
Si ricorre ai diversi trattamenti anticellulite per via di quelle fossette antiestetiche che sono presenti indipendentemente dalla corporatura o dal peso della persona.
Gli ormoni, gli estrogeni, unitamente ad altri fattori possono essere responsabili dello sviluppo della cellulite e dei suoi inestetismi. In alcune fasi di vita delle donne, come durante la gravidanza, o anche durante uno squilibrio ormonale la cellulite può posizionarsi su cosce e glutei.

Diverse sono le proposte di trattamento della cellulite e molte le promesse di rapida risoluzione, ma poiché essa agisce sulla cute in profondità, va considerato che i vari trattamenti devono dimostrare la propria efficacia contro un problema difficile da risolvere.

Trattamento Laser:

Diversi tipi di trattamenti laser sono usati per trattare la cellulite. Durante un trattamento laser mininvasivo. In pratica il laser va a rompere le fasce resistenti sottocutanee dove si colloca il grasso cellulosico.
L’impiego del laser può dare come risultato un’addensamento della pelle laddove la cellulite l’aveva resa più sottile .
In pratica una cute ispessita può ridurre la comparsa della cellulite.
Un trattamento laser va eseguito in ambiente sterile , sotto la supervisione di un medico esperto , anche per via della necessità di una piccola anestesia locale.
Il trattamento laser , preferibile sicuramente alla liposuzione, in quanto non prevede interventi chirurgici, può riuscire a far regredire o ridurre gli inestetismi della cellulite talvolta per lungo tempo, facendo apparire la pelle più omogenea e priva di fossette.
Tuttavia non esclude del tutto la ricomparsa della cellulite, che per fattori genetici o di familiarità tende a ripresentarsi.

In aggiunta va detto che questi trattamenti devono essere sempre accompagnati da un adeguato stile di vita, dove entrano in gioco diete specifiche, massaggi che migliorino il linfodrenaggio, ed anche integratori di supporto.

Trattamento con Radiofrequenza:

E’ un trattamento che si basa sull’impiego di corrente elettromagnetica, che agisce sui tessuti “riscaldando”  le parti interessate dalla cellulite, stimolando la produzione di collagene e migliorando anche la circolazione per effetto di una vasodilatazione indotta dal calore.
Si tratta di una tecnica non invasiva in grado di curare gli inestetismi della cellulite evitando di esporre le persone ai rischi che comportano altri trattamenti come quelli chirurgici.
A seguito di un trattamento di radiofrequenza possono evidenziarsi dei lividi che scompaiono in breve tempo.
La Radiofrequenza è oggi preferita rispetto ad altri tipi di trattamento in quanto non è invasiva, è del tutto indolore e sembra anche promettere dei risultati più convincenti in termini di una pelle uniforme e di migliore aspetto, che sembrano durare anche a distanza di qualche anno, soprattutto quando si pratica qualche seduta di richiamo.
Un trattamento per la Cellulite è solitamente basato su circa una decina di sedute o meno in dipendenza dell’applicazione da eseguire.
Il  tipo di trattamento mirato a migliorare le aree del viso riguarda la Radiofrequenza Estetica, mentre quello mirato a curare la Cellulite riguarda la Radiofrequenza Medica, la differenza tra i due trattamenti è dato dall’intensità dell’energia impegnata.
Evitare di sottoporsi al trattamento quando eseguito da personale non medico.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Applicazione di Pace-Maker

Ogni pace-maker è composto di due parti fondamentali: un generatore di impulsi di dimensioni variabili da uno a pochi cm (i device più nuovi sono sempre più piccoli), che di norma viene impiantato sotto la parte anteriore della spalla sinistra, nell'incavo sotto la clavicola; uno o due elettrodi che dal generatore vengono fatti arrivare fino al muscolo cardiaco e posizionati in punti ben definiti a seconda del difetto di conduzione presente e delle esigenze di risincronizzazione.