Metalli e metalloidi: il tallio

Anche se il tallio viene utilizzato nell’industria non sembra creare rischi occupazionali. L’azione del tallio a livello biochimico non è ancora conosciuta e tutto quello che possiamo dire è che il suo metabolismo è legato a quello del potassio. Dopo una singola dose di Sali di tallio avviene una reazione gastrointestinale che può passare inosservata. Dopo un paio di giorni inizia un bruciore ai piedi e alle mani con debolezza muscolare, atassia e stipsi. Da un punto di vista clinico l’avvelenamento da tallio viene riconosciuto più difficilmente rispetto ad altre avvelenamenti.

Diagnosi e trattamento

Se non viene trattato l’avvelenamento da tallio può essere fatale. Una volta che la diagnosi è chiara, si può somministrare il ferrocianato di potassio. Il tallio in questo modo viene chelato nell’intestino ed espulso con le feci. Il metallo già penetrato nei tessuti, viene protetto dall’antidoto.

Fonte: Vadecum di terapia degli avvelenamenti di Roy Goulding

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Le abilità cognitive

Le abilità cognitive possono essere migliorate con l’esperienza, grazie all’apprendimento, l’elaborazione, la pianificazione e l’adattamento. Il grado di…