Gastrite

Gastrite è un termine generale e si riferisce a condizioni diverse che hanno però un elemento comune: l’infiammazione della mucosa gastrica.

Spesso, questa infiammazione è il risultato di un’infezione da parte dello stesso batterio che causa la maggior parte delle ulcere gastriche, l’Helicobacter pylori. L’uso regolare di alcuni analgesici e l’eccessivo consumo di alcol sono altri fattori che possono contribuire all’instaurarsi di questa condizione.
La gastrite può manifestarsi improvvisamente (gastrite acuta) o apparire lentamente nel tempo (gastrite cronica); in alcuni casi, può portare a ulcere e associarsi a un aumento del rischio di cancro allo stomaco.

Per la maggior parte delle persone, tuttavia, la gastrite non è grave e migliora rapidamente con il trattamento. 

Cause

Debolezze o lesioni alla barriera mucosa gastrica – lo strato mucoso di circa 0,2 mm che ricopre la tonaca mucosa dello stomaco – consentono ai succhi digestivi di danneggiare e infiammare il tessuto che riveste lo stomaco.

I fattori che aumentano il rischio di gastrite includono:

Infezione batterica

Sebbene l’infezione da Helicobacter pylori sia una delle più comuni infezioni umane a livello mondiale, solo alcune persone con infezione sviluppano gastrite o altri disturbi gastrointestinali superiori. I medici ritengono che la vulnerabilità al batterio potrebbe essere ereditata o causata da certi aspetti dello stile di vita, come il fumo e la dieta.

Uso regolare di antidolorifici

I comuni antidolorifici possono causare sia gastrite acuta che cronica. L’uso regolare o in quantità eccessiva di questi farmaci può ridurre una sostanza chiave che aiuta a preservare il rivestimento protettivo dello stomaco.

Età avanzata

Gli anziani hanno un aumentato rischio di gastrite perché il rivestimento protettivo dello stomaco tende a ridursi con l’età e perché gli adulti più anziani hanno maggiori probabilità di avere un’infezione da Helicobacter pylori o malattie autoimmuni rispetto ai più giovani.

Eccessivo consumo di alcol

L’alcol può irritare ed erodere il rivestimento dello stomaco, il che rende lo stomaco più vulnerabile ai succhi digestivi. L’eccessiva assunzione di alcol comporta maggiori probabilità di contrarre una gastrite acuta.

StressGrave stress dovuto a interventi chirurgici importanti, lesioni, ustioni o infezioni possono causare gastrite acuta.

Reazione autoimmune

La gastrite autoimmune si verifica quando il corpo attacca le cellule che compongono il rivestimento dello stomaco; questa reazione può logorare la barriera protettiva. La gastrite autoimmune è più comune nelle persone con altre malattie autoimmuni, tra cui la malattia di Hashimoto e il diabete di tipo 1. La gastrite autoimmune può anche essere associata a carenza di vitamina B12.

Altre malattie e condizioni

La gastrite può essere associata ad altre condizioni mediche, tra cui l’Hiv/Aids, il morbo di Crohn e le infezioni parassitarie.  

Sintomi

I sintomi della gastrite variano da individuo a individuo e in molti casi l’infiammazione allo stomaco non produce sintomi significativi e non viene neppure avvertita da chi ne è affetto.
In generale invece sono presenti alcuni di questi sintomi: nausea o mal di stomaco ricorrente, gonfiore addominale, dolore addominale, vomito, indigestione frequente, bruciore di stomaco tra i pasti o di notte, singhiozzo ricorrente, perdita di appetito, vomito, sangue nel vomito e nelle feci.  

Diagnosi

Anche se per il sospetto di gastrite può bastare l’anamnesi, il medico può prescrivere alcuni test per individuarne la causa esatta.
Test per Helicobacter pylori.
Il batterio può essere rilevato con un esame del sangue, delle feci o con un test del respiro.
Endoscopia.
L’endoscopio viene fatto passare lungo la gola e nell’esofago, nello stomaco e nell’intestino tenue alla ricerca di segni di infiammazione. Se viene rilevata un’area sospetta, il medico può prelevare piccoli campioni di tessuto da sottoporre a esami di laboratorio.
Una biopsia può identificare la presenza di Helicobacter pylori.
Radiografia dell’apparato digerente superiore. Per rendere l’ulcera più visibile, al paziente può essere richiesto di ingerire un liquido contenente mezzo di contrasto al solfato di bario.  

Tra gli stili di vita

Il trattamento della gastrite dipende dalla causa specifica. La gastrite acuta causata da farmaci antinfiammatori non steroidei o alcool può essere alleviata interrompendo l’uso di tali sostanze.

I farmaci usati per trattare la gastrite includono:

  • Farmaci antibiotici contro l’Helicobacter pylori, che solitamente devono essere assunti con regolarità per una o due settimane.
  • Farmaci che bloccano la produzione di acido e promuovono la guarigione, come gli inibitori della pompa protonica.
  • Farmaci per ridurre la produzione di acido, come gli antagonisti dell’istamina (H2) che alleviano il dolore gastrico e incoraggiano la guarigione.
  • Antiacidi che neutralizzano l’acido gastrico esistente e possono fornire un rapido sollievo dal dolore

Tutti questi farmaci possono avere effetti collaterali, specie se utilizzati a lungo termine, che devono essere attentamente considerati al momento della prescrizione.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Malattie delle valvole cardiache

Le malattie delle valvole cardiache comprendono un ampio gruppo di alterazioni strutturali e disfunzioni, congenite o più spesso acquisite, che impediscono alle valvole che separano le diverse camere del cuore (atri e ventricoli) tra loro e dai vasi sanguigni ad esso collegati di aprirsi e chiudersi in modo efficiente.
Read More

Idrosadenite suppurativa

L’idrosadenite suppurativa (HS, Hidradenitis Suppurativa), chiamata anche acne inversa o malattia di Verneuil, è una malattia infiammatoria cronica della pelle caratterizzata dalla comparsa di noduli sottocutanei (cisti), ascessi singoli o multipli, ricorrenti e recidivanti, e fistole.
Read More

Ipotiroidismo

L'ipotiroidismo è una condizione determinata dall'insufficiente produzione di ormoni tiroidei, tetraiodotironina o tiroxina (T4) e triodotironina (T3), da parte della tiroide, con conseguente riduzione dell'efficienza metabolica generale e insorgenza di disturbi e malesseri di vario tipo, di intensità variabile in funzione della severità dell'ipotiroidismo.
Read More

Malattia delle ossa di Paget

La malattia ossea di Paget rappresenta una anomalia nel processo fisiologico con il quale l’organismo nel tempo rimpiazza gradualmente il vecchio tessuto osseo con quello nuovo prodotto.