Ambliopia

L’ambliopia, più comunemente nota come “occhio pigro”, è una malattia dell’apparato visivo caratterizzata da una visione ridotta in un occhio dovuta a uno sviluppo visivo anormale nei primi anni di vita.

L’occhio più debole o pigro spesso vaga verso l’interno o l’esterno.

L’ambliopia si sviluppa generalmente dalla nascita fino all’età di 7 anni. È la principale causa di diminuzione della vista in un occhio tra i bambini. Raramente, l’occhio pigro colpisce entrambi gli occhi.

La diagnosi precoce e il trattamento possono aiutare a prevenire problemi a lungo termine. L’occhio pigro di solito può essere corretto con occhiali o lenti a contatto oppure con cerotti. A volte è necessario un intervento chirurgico.

Cause

L’occhio pigro si sviluppa a causa di una esperienza visiva anormale all’inizio della vita che cambia le vie nervose tra la retina e il cervello. L’occhio più debole riceve meno segnali visivi; progressivamente la capacità degli occhi di lavorare insieme diminuisce e il cervello sopprime o ignora l’input dall’occhio più debole.

Qualsiasi cosa offuschi la vista di un bambino può portare ad ambliopia, quindi le cause possono essere diverse:

Squilibrio muscolare (strabismo)

La causa più comune dell’occhio pigro è uno squilibrio nei muscoli che posizionano gli occhi, che può impedire loro di funzionare insieme in modo coordinato.

Differenza nella nitidezza della vista tra gli occhi (anisometropia rifrattiva)

Una differenza significativa nella refrazione tra un occhio e l’altro – a volte per una miopia o per una imperfezione della superficie dell’occhio chiamata astigmatismo – può risultare in un occhio pigro. Occhiali o lenti a contatto sono generalmente utilizzati per correggere questi problemi di refrazione. In alcuni bambini l’occhio pigro è causato da una combinazione di strabismo e problemi di refrazione.

Deprivazione

Qualsiasi problema – come l’opacizzazione del cristallino (cataratta) o l’abbassamento parziale o totale di una palpebra (ptosi palpebrale) – può impedire al bambino di avere una visione chiara da un occhio. L’ambliopia da deprivazione è spesso la tipologia più grave di questa patologia.

I fattori che si associano a un aumentato rischio di occhio pigro includono: nascita prematura, nascita sottopeso, storia familiare di ambliopia, difficoltà nello sviluppo.

Sintomi

I segni e sintomi che più comunemente caratterizzano l’occhio pigro sono: un occhio che vaga verso l’interno o l’esterno; occhi che sembrano non funzionare in modo coordinato; scarsa percezione della profondità; atteggiamento frequente di chiudere o strizzare un occhio; inclinazione della testa. A volte questa patologia non è evidente senza un esame della vista.

Diagnosi

La diagnosi di ambliopia passa attraverso un esame accurato della vista, con il controllo della salute degli occhi e l’accertamento di un occhio errante, di una differenza di visione tra gli occhi o di una visione inadeguata in entrambi gli occhi.

Il metodo utilizzato per testare la visione dipende dall’età e dallo stadio di sviluppo del bambino.

Nei bambini in età preverbale, un dispositivo di ingrandimento illuminato può essere utilizzato per rilevare la cataratta, altri test possono valutare l’abilità di un neonato di fissare il suo sguardo e seguire un oggetto in movimento.

Nei bambini dai dai 3 anni in su, si possono già utilizzare test con immagini o lettere per valutare la visione del bambino. Alternativamente, ogni occhio viene bendato per testare l’altro.

Trattamento

È importante iniziare il trattamento per l’occhio pigro il più presto possibile durante l’infanzia, quando si formano le complicate connessioni tra l’occhio e il cervello. I migliori risultati si verificano quando il trattamento inizia prima dei 7 anni, anche se la metà dei pazienti di età compresa tra 7 e 17 anni risponde al trattamento.

Le opzioni di trattamento dipendono dalla causa dell’occhio pigro e da quanto la condizione influisce sulla visione del bambino.

La riabilitazione ortottica si avvale di: esercizi (training ortottico e training visivo), occlusioni e penalizzazioni, terapia prismatica, addestramento agli ausili ottici, educazione all’ igiene visiva.

Occhiali correttivi

Occhiali o lenti a contatto possono correggere problemi come miopia, ipermetropia o astigmatismo che si possono tradurre in ambliopia.

Cerotti

Per stimolare l’occhio più debole, il bambino può indossare una benda sull’occhio più forte. Il cerotto è generalmente indossato da due a sei ore al giorno.

Filtro Bangerter

Questo filtro speciale è posizionato sulla lente dell’occhio più forte. Il filtro sfoca le immagini e, come una benda sull’occhio, lavora per stimolare l’occhio più debole.

Colliri

L’applicazione un paio di volte alla settimana di un farmaco chiamato atropina può temporaneamente offuscare la vista nell’occhio più forte. Ciò incoraggerà il bambino a usare l’occhio più debole. Gli effetti collaterali includono la sensibilità alla luce.

Chirurgia

Se gli occhi del bambino si incrociano o si allontanano, il medico può raccomandare la riparazione chirurgica dei muscoli oculari. Il bambino potrebbe aver bisogno di un intervento chirurgico anche in caso di ptosi palpebrale o cataratta.

Sono ora disponibili trattamenti integrativi basati su attività, come disegnare, fare puzzle o giocare con il computer.

Per la maggior parte dei bambini con occhio pigro, un trattamento adeguato migliora la visione; il miglioramento può richiedere alcune settimane o diversi mesi. Il trattamento può durare da sei mesi a due anni.

È importante che il bambino venga monitorato per un’eventuale recidiva, che può verificarsi fino al 25% dei bambini con questa condizione. Se l’occhio pigro si ripresenta, il trattamento dovrà ricominciare.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Artrite psoriasica

L’artrite psoriasica è una malattia infiammatoria cronica su base autoimmunitaria che insorge in circa il 30% delle persone che soffrono di psoriasi.
Read More

Micosi

Le micosi cutanee sono un gruppo abbastanza ampio e diversificato di affezioni dermatologiche determinate dalla colonizzazione dell'epidermide da parte di microrganismi come Malassezia furur (responsabile della pitiriasi versicolor), funghi dermatofiti (come le tigne, generalmente trasmesse da animali) e lieviti (perlopiù del genere Candida).
Read More

Ipermetropia

L'ipermetropia è una patologia oculistica in cui il bulbo oculare è troppo corto e non consente una corretta messa a fuoco.
Read More

Incontinenza urinaria

L'incontinenza urinaria è una condizione legata a deficit muscolari o neurologici a livello del pavimento pelvico (costituito dai fasci muscolari che chiudono la base dell'addome), che si caratterizza per l'impossibilità di controllare perfettamente lo stimolo minzionale, attraverso l'apertura e chiusura dello sfintere urinario, e di decidere, quindi, consapevolmente quando trattenere o emettere l'urina.