Contratture e crampi muscolari

Un crampo muscolare è una contrazione improvvisa e involontaria di uno o più muscoli.

I crampi muscolari possono causare forti dolori; anche se generalmente sono inoffensivi, possono rendere temporaneamente impossibile l’uso del muscolo interessato. Coscia, polpaccio e piede sono i distretti in cui più comunemente si manifestano i crampi muscolari, che sono generalmente transitori, con pochi secondi, o in certi casi qualche minuto, di durata.

Sintomi

Oltre al dolore improvviso e acuto, il crampo muscolare può determinare una dura massa di tessuto muscolare che è visibile e avvertibile sotto la pelle.

Di solito i crampi scompaiono da soli e raramente sono abbastanza gravi da richiedere cure mediche. Tuttavia, può essere opportuno consultare un medico se: il disagio è particolarmente forte, i crampi si associano a gonfiore delle gambe, arrossamento o cambiamenti della pelle oppure debolezza muscolare, i crampi si ripresentano spesso e non si associano a una causa ovvia, come un intenso esercizio fisico.

Cause

L’uso eccessivo di un muscolo, la disidratazione, l’affaticamento muscolare o semplicemente il mantenimento di una posizione per un periodo prolungato può causare un crampo muscolare. In molti casi, tuttavia, la causa non è nota.

Sebbene la maggior parte dei crampi muscolari sia innocua, alcuni possono essere correlati a una condizione medica di base, come ad esempio: afflusso di sangue inadeguato, che può ad esempio verificarsi durante un esercizio fisico; compressione dei nervi nella colonna vertebrale (stenosi lombare); esaurimento minerale, che può essere conseguenza dell’assunzione prolungata di alcuni farmaci, come i diuretici.

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di crampi muscolari:

Età
Le persone anziane perdono massa muscolare, quindi il muscolo che rimane può essere più facilmente sovraccaricato.

Disidratazione
Gli atleti che si affaticano e si disidratano mentre partecipano ad allenamenti o competizioni in climi caldi spesso sviluppano crampi muscolari.

Gravidanza
I crampi muscolari sono comuni durante la gravidanza.

Condizioni mediche
Possono essere a maggior rischio di crampi muscolari le persone che soffrono di diabete o disturbi nervosi, al fegato o alla tiroide.

Trattamento

Alcuni accorgimenti possono aiutare a prevenire i crampi:

Il primo è evitare la disidratazione, bevendo molti liquidi ogni giorno; la quantità necessaria dipende dall’alimentazione, dal livello di attività, dal tempo, dalle condizioni di salute, dall’età e dai farmaci assunti.

Il secondo accorgimento è quello di allungare i muscoli, facendo esercizi di stretching prima e dopo l’utilizzo di qualsiasi muscolo per un periodo prolungato; chi tende ad avere crampi alle gambe di notte, può fare questi esercizi prima di coricarsi. Anche un esercizio leggero, come qualche minuto di cyclette prima di andare a dormire, può aiutare a prevenire i crampi mentre si dorme.

Può essere d’aiuto applicare un asciugamano caldo o una piastra di riscaldamento sui muscoli tesi o contratti, così come fare un bagno caldo o dirigere sui muscoli il getto di una doccia calda sui muscoli; in alternativa, massaggiare il muscolo contratto con ghiaccio può alleviare il dolore.

Di solito i crampi muscolari possono essere trattati autonomamente da chi ne soffre. Il medico può tuttavia può insegnare alcuni esercizi di stretching che possono a ridurre la probabilità di contratture muscolari e, per crampi ricorrenti che disturbano il sonno, potrebbe prescrivere un farmaco per rilassare i muscoli.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts
Read More

Sovrappeso e obesità

Lungi dall'essere un mero problema estetico, sovrappeso e obesità rappresentano un fattore di rischio accertato per lo sviluppo di numero patologie metaboliche (prima tra tutte il diabete), cardiovascolari acute (come infarto miocardico e ictus cerebrale) e croniche (arteriosclerosi, coronaropatie, stenosi carotidea ecc.), endocrinologiche (riduzione della fertilità ecc.) e oncologiche (tumore del colon-retto, del seno, del pancreas ecc.).
Read More

Meningite

La meningite è una condizione caratterizzata dall'infiammazione delle meningi (le membrane che rivestono il cervello), che può avere un andamento ed esiti più o meno severi in relazione alla causa e alla tempestività degli interventi medici.
Read More

Uveite

L'uveite è una condizione oculare determinata dall'infiammazione dell'uvea, il tessuto dell'occhio posto sotto la sclera (parte bianca del globo oculare), comprendente l'iride (parte centrale ad anello che delimita il foro della pupilla), la membrana coroide (contenente i vasi sanguigni che riforniscono gran parte dei tessuti dell'occhio di ossigeno e sostanze nutritive e prelevano anidride carbonica sostanze di rifiuto) e il corpo ciliare (struttura posta intorno all'iride, sotto la coroide, che secerne l'umor acqueo, il liquido che irrora e nutre le parti dell'occhio non raggiunte dai vasi sanguigni e che determina la pressione interna dell'occhio).
Read More

Calcolosi della colecisti

La colecisti (o cistifellea) è un organo cavo verde a forma di pera situato sotto il fegato; fa parte del sistema digerente e la sua funzione è di immagazzinare la bile, un liquido verde scuro che aiuta il corpo a digerire e ad assorbire il cibo.